L’Osteoartrosi (Artrosi)

L’osteoartrosi (comunemente e di seguito definita artrosi) è una malattia della cartilagine ialina e dell’osso subcondrale, colpisce le articolazioni soggette a carico dell’arto inferiore, della colonna vertebrale e della mano.

Si divide in:

  • idiopatica o primaria e colpisce anche, ginocchia, dita dei piedi, colonna cervicale e lombare, articolazioni interfalangee prossimali e distali e carpo-metacarpali. vengono di solito escluse caviglia, spalla, gomito, polso e metacarpofalangee. La causa è multifattoriale

  • secondaria ad eventi traumatici, a fenomeni infiammatori o ad alterazioni scheletriche, può colpire tutte le articolazioni.

Sintomi e Segni

L’artrosi ha insorgenza graduale, è caratterizzata da un dolore continuo o intermittente di solito esacerbato dal movimento e alleviato dal riposo, può limitare i movimenti e l’articolarità, causare deformità articolari e la progressione è lenta.

Possono essere visibili a livello delle articolazioni interfalangee delle mani dei noduli di Haberden, rigonfiamenti dovuti ad un’iperproduzione ossea.

Diagnosi

La combinazione dell’esame clinico e degli esami strumentali (rx tradizionale e RMN) permette di porre diagnosi. La RMN è più sensibile per la diagnosi precoce mentre l’Rx tradizionale è la metodica standard e viene spesso utilizzata negli stadi più avanzati di malattia.

Trattamento

Il trattamento dell’artrosi è primariamente quello Fisioterapico attraverso una adeguata e personalizzata somministrazione di esercizi terapeutici, coadiuvati dalla terapia fisica e occupazionale a cui si associa la terapia farmacologica.

Negli stadi intermedi della malattia è utile la terapia infiltrativa con acido ialuronico per migliorare la sintomatologia, la terapia chirurgica è invece riservata agli stadi più avanzati della malattia.

Nuove prospettive per il trattamento precoce vengono proposte dalla medicina rigenerativa.