Attacchi di Panico

Home » Servizi » Attacchi di Panico

Che cos’è un ATTACCO DI PANICO?

Interessante partire dall’etimologia della parola “panico” : dal greco panikos, aggettivo di Pan, divinità silvana. Nella mitologia greca il dio Pan, figura mitologia sfuggente, metà uomo e metà caprone,  compariva all’improvviso sul cammino altrui, suscitando un terrore improvviso e poi scompariva velocemente. Le vittime rimanevano incredule, non riuscivano a spiegare cosa fosse successo e non erano in grado di gestire la forte emozione negativa provata.

L’attacco di panico si presenta come un breve episodio di ansia intollerabile che dura al massimo 20 minuti e si caratterizza per sentimenti di apprensione, paura o terrore.

I sintomi fisici più comuni dell’attacco di panico sono:

  • Palpitazioni, cardiopalma o tachicardia
  • Sudorazione
  • Brividi o vampate di calore
  • Tremori fini o a grandi scosse
  • Parestesie
  • Dispnea o sensazione di soffocamento
  • Sensazione di asfissia
  • Dolore o fastidio al petto
  • Nausea o disturbi addominali
  • Sensazioni di sbandamento, instabilità, testa leggera o senso di svenimento
  • Derealizzazione o depersonalizzazione
  • Paura di perdere il controllo o di impazzire
  • Paura di morire

L’esperienza soggettiva che riportano le persone è quella che l’attacco di panico sopraggiunga improvvisamente,  in realtà è sempre possibile, attraverso la terapia, individuare un fattore scatenante anche quando non si è in grado di riconoscerlo come tale.

Per tale ragione, il primo passo da compiere in terapia è proprio quello di condividere con il paziente il ruolo dei suoi pensieri e delle convinzioni di pericolo nella genesi dei successivi episodi di panico.

 Secondo il DSM-5 (APA, 2013), il Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, per poter fare diagnosi di Disturbo di Panico è necessario che gli attacchi siano ricorrenti e che vengano soddisfatti specifici criteri diagnostici.