Visite specialistiche per Pubalgia

Home / Servizi / Visite specialistiche per Pubalgia

Perché una Visita specialistica per Pubalgia ? Che cosa è la Pubalgia?

La Pubalgia è una tendinopatia di matrice infiammatoria a carico degli adduttori dell’anca e degli addominali a livello dell’inserzione nell’osso pubico (pube). Gli specialisti internazionali la identificano come Groin Pain Syndrome ovvero patologia del dolore inguinale. Diagnosticarla può non essere facile da soli, ecco perché spesso è utile una Visita specialistica per Pubalgia.
Normalmente colpisce gli sportivi in particolare di sesso maschile, in quanto è molto frequente per chi pratica: calcio, rugby, hockey e quasi tutte le pratiche sportive in cui si richiede uno sforzo alla muscolatura dell’anca.

La Pubalgia si identifica come dolore inguinale o addominale  e spesso il paziente la confonde con altre patologie (ernia inguinale, tendinite ecc.).
A livello clinico i muscoli interessati possono essere soggetti ad una lesione, mentre i tendini possono avere una infiammazione (entesite) con ispessimento e calcificazione. Il dolore e l’infiammazione può raggiungere anche zone genitali quali i testicoli, o limitarsi alla zona degli adduttori, anca e coscia.

In cosa consiste una visita specialistica per Pubalgia?

La visita specialistica che potrete effettuare presso il nostro Centro è volta a costruire un’anamnesi patologica recente e remota del paziente, ed identificare fattori di rischio, come attività sportive o lavori che richiedono movimenti ripetitivi. Vi verrà chiesto da quanto tempo è insorto il dolore e se l’insorgenza è stata progressiva o meno.
Verrà svolto un esame fisico, osservando la parte dolorosa e comprimendo il tendine coinvolto per determinare l’esatta localizzazione dei sintomi e l’eventuale gonfiore tendineo.
Tramite test specifici verrà valutata la Pubalgia: il paziente sarà posizionato supino sul lettino con le ginocchia piegate e la schiena ben aderente al lettino, quindi gli verrà chiesto di effettuare un movimento in chiusura delle anche in modo da avvicinare le ginocchia, mentre verrà fatta resistenza. Se questo movimento genera dolore,porterà ad indirizzare la diagnosi verso la Pubalgia.
Saranno valutati quindi i riflessi miotendinei per escludere il disturbo articolare. In caso di Pubalgia, è importante valutare la debolezza dei muscoli addominali, soprattutto il retto dell’addome. Di solito, si evidenza una grande differenza di forza tra i muscoli addominali e adduttori.
Per diagnosticare e fare una valutazione della Pubalgia, normalmente  l’esame clinico viene eseguito successivamente ad una ecografia muscolo-scheletrica, perché garantisce una immagine dei tessuti molli, quali i tendini.  Alcune volte può essere indirizzato ad un esame specifico con risonanza magnetica se il dolore è accompagnato anche da gonfiore infiammazione o calcificazione.