Pressoterapia

PRESSOTERAPIA

La pressoterapia, è una tecnica terapeutica ampiamente utilizzata sia in campo medico che estetico. Essa si basa sulla pressione esterna esercitata da un apposito dispositivo sugli arti e l’addome del paziente, al fine di migliorare la circolazione linfatica e venosa del soggetto. Grazie a questa simulazione di massaggio manuale, l’organismo sarà anche in grado di espellere con maggiore facilità le tossine e le scorie presenti nell’organismo.

Finalità

La pressoterapia è indicata per l’utilizzo da parte di professionisti sanitari con lo scopo di ridurre il gonfiore e prevenire la trombosi agli arti inferiori o il trattamento del linfedema, come ad esempio: Linfedema primario, edema a seguito di traumi e lesioni sportive, edema post-mobilizzazione, insufficienze venose.

Indicazioni:

Prevenzione di:
  • Trombosi Venosa Profonda (TVP)
  • Insufficienza Venosa Cronica
Trattamento di:
  • Linfedema
  • Rigenerazione sportiva
  • edema a seguito di traumi e infortuni sportivi
  • Ritenzione idrica agli arti inferiori
  • Cellulite
  • Accumuli adiposi

Controindicazioni:

  • Malattie infiammatorie acute della cute
  • aritmia
  • erisipela
  • tromboflebite profonda
  • edema polmonare
  • trombosi venosa acuta
  • ipertensione instabile
  • uso di pacemaker
  • insufficienze arteriose
  • donne in gravidanza
  • presenza di neoplasie nella zona da trattare o in prossimità di essa.

Effetti collaterali:

  • Sensazione di disagio quando la pressione in uscita è troppo elevata (maggiore o uguale a 120 mmHg)
  • Rossore o prurito
Come già detto quindi, oltre alle indicazioni sopra citate, la pressoterapia può essere un ottimo supporto per contrastare la cosiddetta “pelle a buccia d’arancia” ( tra le varie  cause della  cellulite ricordiamo infatti una alterazione della circolazione linfatica e venosa). Sin dalla prima seduta, infatti, è possibile avvertire una generale sensazione di benessere e leggerezza degli arti inferiori.
La pressoterapia, in effetti, può essere considerata un vero e proprio trattamento disintossicante e rigenerante che favorisce in parte il dimagrimento e promuove uno stato di benessere generale dell’organismo. Oltre, infatti, ai risultati estetici, esso rilassa il paziente e gli dona una piacevole sensazione di leggerezza.

Principio di funzionamento:

La pressoterapia, la cui efficacia è stata ampiamente riconosciuta dalla comunità scientifica, è un trattamento che, con le opportune indicazioni, non fa male e che consiste nell’esercitare una pressione esterna sulle zone del corpo da trattare (generalmente addome e arti inferiori) attraverso un apposito apparecchio. Durante l’uso una fascia gonfiabile comprime l’estremità interessata. Tale fascia è collegata alla pompa tramite diversi tubi.
Una volta attivata, la pompa rimpie le camere d’aria presenti nella fascia per esercitare una pressione sui tessuti, spostando così i fluidi come sangue e linfa dalla regione sottoposta a compressione. Poco tempo dopo la pressione si riduce, avorendo un aumento del flusso sanguigno verso tale area. Questo massaggio meccanico è in grado, in breve tempo, di riattivare e di rendere più performanti la circolazione linfatica e venosa. Va detto, inoltre, che l’intensità della pressione può essere regolata in base alle esigenze del momento al fine di rendere più efficace il massaggio effettuato dal macchinario.
Al paziente che si sottopone a pressoterapia non è richiesta una preparazione particolare.

Come si svolge una seduta di pressoterapia?

Il terapista, dopo aver fatto accomodare su un lettino apposito il paziente, procede con il drenaggio manuale dei centri di raccolta del sistema linfatico al fine di permettere il riassorbimento dei liquidi presenti negli interstizi tessutali e favorirne, in un secondo momento, il reflusso in direzione della principale stazione linfatica. Questo massaggio realizzato dallo specialista, oltre a stimolare lo svuotamento delle stazioni linfonodali ha anche un piacevole effetto rilassante e antistress. Successivamente il terapista sistema gli applicatori nell’area di interesse e poi li collega con il dispositivo elettronico di pressoterapia. Gli applicatori, lo ricordiamo, che hanno generalmente una forma anatomica per poter essere comodamente indossati dal paziente, sono delle camere di compressione con cui si avvolgono gli arti o la zona addominale. Nel momento in cui l’operatore procede con l’accensione del dispositivo elettronico, i vari applicatori si gonfiano in successione ordinata, ovvero partono dalle aree più periferiche fino a raggiungere le zone centrali.
La durata dei trattamenti ovviamente varia in base alle specifiche esigenze del paziente, ma in linea di massima essa è pari a un intervallo di tempo compreso tra i 20 e i 35 minuti.
È consigliato avvicinarsi gradualmente alla pressione di applicazione ottimale. Non sempre tanto porta a tanto. L’applicazione del Recovery Reboots non dovrebbe mai creare disagio o addirittura risultare dolorosa.

Pressoterapia a Genova: chiedi a noi!

Effettuiamo la Pressoterapia nel nostro studio a Genova: contattaci per saperne di più!

Seguici su Facebook, Instagram .